Non dobbiamo fidarci di chi diffonde il pettegolezzo, ecco perché

Pettegolezzo
Storie di vita

Il pettegolezzo è una cosa sicuramente sgradita ma va avanti da tempo immemore. È stato quasi sempre normale commentare talvolta acidamente le vite degli altri. Questo può causare dissapori, litigi e talvolta accendere la miccia anche tra intere famiglie o addirittura popoli. Occhio a diventare amici di una persona che ama il pettegolezzo. Bisogna ricordare che potremo essere noi in qualunque momento il bersaglio della sua lingua lunga.

Il pettegolezzo vive di scandali ed il suo obiettivo è screditare determinate persone agli occhi degli altri.

Alcuni credono che questo tipo di commento acido fosse agevolato dall’assenza di Internet. Perché si tendeva ad incontrarsi di più e a fomentare il passaparola. Invece è esattamente il contrario. È con le chat, con i messaggi e con le telefonate che divulghiamo prevalentemente i nostri dati e le nostre faccende personali. E queste potrebbero essere diffuse a loro volta.

Purtroppo la cosa diventa più grave quando vengono diffusi nostri video o foto personali che avevamo inviato ad una sola persona. E questa poi ha tradito la nostra fiducia. A questo punto, però, non si tratta più di un semplice pettegolezzo, ma di un’azione illegale.

Anche il pettegolezzo però può talvolta rovinare la vita delle persone, perché quasi a tutti fa piacere prendere atto degli aspetti negativi degli altri. Viviamo in una società tendenzialmente infelice e dobbiamo ricordarlo quando stringiamo amicizia con una persona che ama il pettegolezzo.

In questo caso, noi stessi possiamo fare qualcosa per bloccare le voci false che rischiano di danneggiare un’altra persona. Non diamo credito, non diamo spago e non diffondiamo le informazioni che ci vengono date. Dobbiamo avere la nobiltà d’animo di ignorare l’acidità e la cattiveria di chi trova conforto nei difetti e nei problemi degli altri. È l’unico modo per annullare letteralmente il pettegolezzo ed il suo significato: allontaniamoci da queste persone negative.

168 Condivisioni
LEGGI ANCHE  Il dramma di Renato: “Ho perso mio papà e mia sorella, mia madre ha la febbre a 38. Non ce la faccio, voglio mollare, ho sofferto troppo"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.