La possessività è un amore sbagliato: chi ama permette di essere

Possessività
Emozioni

La possessività è un concetto che ci viene da sempre inculcato dalla società. Chi ama delle cose in genere le possiede, ed è un concetto che viene insegnato fin da più piccoli. In realtà, questo aspetto non è assolutamente vero e va tenuto in considerazione ogni giorno.

La società ci insegna che chi possiede di più vale più degli altri, ha un valore aggiunto, e questo viene proiettato anche nei rapporti interpersonali. Da questo nasce la possessività: noi crediamo di poter possedere, esattamente come avviene con un oggetto, la persona che amiamo. Questo significa che la amiamo di meno? No, ma è un tipo di amore sbagliato soprattutto perché in alcune circostanze può degenerare.

Appena infatti notiamo di amare una persona, sentiamo che questa ci appartiene, ci assale la paura di perderla. Forse perché la amiamo e siamo contenti avere a che fare con lei. Spesso la paura dell’abbandono o della perdita dipende da cause trascorse, ad esempio sono tipiche quelle infantili. Chi ha subito un abbandono in tenera età, perché ha perso una figura importante, può credere a livello inconscio che ciò possa avvenire in qualsiasi momento e possono dunque essere condizionati i rapporti interpersonali.

LEGGI ANCHE  Le donne in quarantena: il divertente appello lanciato dalla comica Monica Lima

La dinamica del controllo, impedire alla persona di amare se stessa, può essere ossessivo e segno di un problema.

La possessività non è direttamente proporzionale all’amore, perché si tratta di due cose ben diverse che originano da un nostro problema e non da quello dell’altra persona.

Tutti hanno il diritto di essere qualcosa, di fare qualsiasi cosa, e questo significa che non dobbiamo assolutamente limitare il prossimo.

Fritz Perls spiega perfettamente questa cosa:
Io sono io
Tu sei tu.
Io non sono in questo mondo per soddisfare le tue aspettative
Tu non sei in questo mondo per soddisfare le mie.
Io faccio la mia cosa, tu fai la tua.
Tu sei tu
Io sono io.
Se in qualsiasi momento o ad un certo punto ci incontriamo
Sarà meraviglioso, altrimenti, non ci sarà stato niente da fare.
Manco d’amore verso di me
Quando nel tentativo di farti piacere mi tradisco.
Manco d’amore per te
Quando cerco di fare in modo che tu sia come ti voglio io
Piuttosto che accettarti come sei veramente.
Tu sei tu e io sono io.
Ricordiamolo sempre quando intraprendiamo una nuova relazione.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *