Un poliziotto e padre perde la vita, donna esulta su Facebook: denunciata

Donna esulta
News

Una donna esulta tramite un post su Facebook su un tragico avvenimento.

E’ accaduto nel cagliaritano, dove una donna di 52 anni ha condiviso un post che ha fatto molto discutere. Sul suo profilo Facebook infatti ha pubblicato la foto di una volante completamente distrutta. La didascalia che accompagnava la foto era: “Ogni tanto una gioia”.

Non sappiamo i motivi che hanno spinto la donna ad avere una reazione del genere. Anche se non esiste una giustificazione plausibile. La macchina distrutta è quella dell’ agente Pasquale Apicella e dell’assistente capo Salvatore Colucci. Quest’ultimo ha riportato qualche ferita non grave. Sfortunatamente non è andata altrettanto bene al poliziotto Apicella che ha perso la vita durante l’incidente.

E’ successo nella notte del 27 Aprile a Napoli. I rapitori si sono fatti sorprendere vicino ad una banca ed è iniziato l’inseguimento. E’ stato allora che l’Audi A4 dei rapitori ha colpito la volante. La parte anteriore della vettura si è completamente distrutta. Due dei delinquenti sono rimasti incastrati nelle lamiere deopo l’incidente e subito arrestati. Gli altri due sono stati rintracciati in seguito.

LEGGI ANCHE  Conte saluta con dignità: "Fiero del lavoro svolto, grazie a tutti"

Un poliziotto perde la vita, donna esulta su Facebook: denunciata.

La donna ha condiviso e commentato la notizia con parole di odio. Oltre alla didascalia “Ogni tanto una gioia” nei commenti la signora rincarava la dose con la frase “Io li odierò per sempre”.

Il post ha fatto molto scalpore attirando un grosso numero di reazioni e commenti. Ben presto è arrivato anche all’attenzione di persone vicine a Pasquale. Un ragazzo di 37 anni, padre di due bambini piccoli. Un pubblico ufficiale che ha perso la vita mentre svolgeva il suo lavoro, che è quello di proteggere i cittadini. Comprensibile lo sconforto davanti a parole come queste. la donna è stata identificata dalla Digos e dalla Polizia Postale: è stata denunciata ai sensi dell’articolo 342 del codice penale.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.