Sergio Sylvestre: ecco la sua spiegazione sull’errore durante l’Inno di Mameli

Sergio Sylvestre
News

Sergio Sylvestre è recentemente balzato suo malgrado all’onore delle cronache suo malgrado. Si perché l’apprezzato cantante sicuramente ne avrebbe fatto a meno. Se è vero il detto “Nel bene o nel male, purché se ne parli”, siamo convinti che questa pubblicità inattesa non avrà fatto piacere a Sergio.

Il giovane artista di origini statunitensi è stato chiamato ad interpretare l’Inno di Mameli la sera del 17 Giugno. L’occasione è stata la finale di Coppa Italia disputata tra Juventus e Napoli a porte chiuse. E sicuramente questo dettaglio non è insignificante ai fine di quanto accaduto.

L’ex concorrente e vincitore di Amici, vincente programma televisivo di Maria De Filippi, ha fatto parlare per la sua performance. Ma l’attenzione non è finita sulla sua incredibile intonazione e formidabile voce. Purtroppo il cantante tradito dall’emozione si è interrotto per qualche secondo durante l’esibizione. La strofa comprendente “Le porga la chioma” gli è stata fatale. Una piccola incertezza che gli è costata una dura critica e molti insulti. Diciamolo, molti anche gratuiti e fuori luogo.

Sergio Sylvestre: ecco la sua spiegazione sull’errore durante l’Inno di Mameli.

Sbagliare è umano, ma non tutti si dimostrano pronti ad accettarlo. E questo Sergio lo ha imparato a sue spese. La cosa che più dispiace è che alcuni insulti siano sfociati anche sul razzismo.

Il cantante a caldo, a termine dell’esibizione, ha subito chiesto scusa per la piccola gaffe. Tramite i social infatti ha dichiarato: “Ho appena finito di cantare sono emozionatissimo, l’emozione era molto grande, ma dai, grazie”.

Ma queste sue scuse non sono servite a placare gli animi degli haters. In molti il giorno seguente si sono scagliati contro Sylvestre. Addirittura c’è stato chi ha interpretato il suo errore come un’offesa al popolo italiano.

LEGGI ANCHE  Fase 2: aumento vertiginoso dei prezzi. Da bar a parrucchieri, fino a +54%

Sergio si è quindi sentito in dovere di dare un’ulteriore spiegazione tornando sull’accaduto. Sempre tramite i social ha spiegato l’emozione provata in quel momento.

“Neanche quando sono stato ad Amici o a Sanremo. Sentire questo eco così forte, in uno stadio così vuoto mi ha fatto bloccare. Mi è venuta una tristezza molto forte, queste cose qui mi bloccano, perché mi coinvolge tanto. Vedere un palco così vuoto è un peccato solo questo”.

E sicuramente non deve essere stato facile cantare in uno stadio quasi completamente deserto. Senza contare il fastidiosissimo effetto “delay” della sua voce che echeggiava tra gli spalti vuoti.

0 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.