Conte spiega l’ultimo DPCM. Parrucchieri, ristoranti, sport: ecco cosa cambia.

ecco cosa cambia
News

Ecco cosa cambia con l’ultimo DPCM approvato dal Governo. Il Premier Giuseppe Conte ha appena terminato di illustrare gli ultimi provvedimenti presi.

La nuova ondata di contagi ha costretto il nostro Governo ad attuare un nuovo piano. E’ fondamentale agire in modo tale da tenere sotto controllo la curva epidemiologica. Questo il motivo che ha reso necessario un nuovo DPCM con misure più restrittive. Vediamo insieme cosa cambia nella vita di tutti i giorni.

Infatti i provvedimenti riguardano tutti noi. Nei giorni scorsi si paventava la possibilità di arrivare a misure drastiche. Le indiscrezioni parlavano addirittura di un possibile coprifuoco. Per adesso non andremo incontro ad un regime così restrittivo. Il motivo probabilmente è da ricercare nel fatto che siamo più preparati al virus. Come spiegato dallo stesso Premier, l’Italia oggi è pronta a contenere le conseguenze della pandemia. Ad oggi possiamo contare su un sistema sanitario più adeguato. I posti di terapia intensiva e sub-intensiva sono più che raddoppiati rispetto a Marzo. Ad oggi produciamo centinaia di migliaia di mascherine. Ma vediamo le parole di Conte: cosa cambia nei prossimi giorni.

LEGGI ANCHE  Nuovo Dpcm, la protesta di una titolare di palestra: "basta, tengo aperto"

Conte spiega l’ultimo DPCM. Parrucchieri, ristoranti, sport: ecco cosa cambia.

Come già detto non seguiremo l’esempio della Francia. Non sarà necessario arrivare al coprifuoco. Le palestre e le piscine per adesso rimangono aperte. Sarà una prova. Se nella prossima settimana verrà constatato che molte strutture non rispettano le procedure anti-covid, la decisione presa verrà capovolta.

Vietati gli sport dilettantistici. Permesso invece lo sport individuale. Così come le palestre, anche centri estetici e parrucchieri rimarranno aperti. Gli esercizi commerciali avranno i limiti degli orari. L’apertura dovrà avvenire non prima dell 5 di mattina. La chiusura massima invece sarà mezzanotte. Tuttavia solo i locali con consumazione al tavolo potranno rimanere aperti fino a questo orario. Gli altri avranno come limite di chiusura serale le 18.00. Nei ristoranti il limite di persone per ciascun tavolo sarà di 6 unità. Inoltre ogni locale dovrà appendere fuori dalla porta l’indicazione del numero massimo di clienti che può ospitare il ristorante. Queste le principali novità introdotte da questo DPCM.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *