Perde il marito di covid e rimane sola con 3 figli: l’azienda fa un grande gesto di solidarietà

Perde il marito di covid
News

Perde il marito di covid ma non potrà perdere la fiducia nell’umanità.

Quanto accaduto a Bellusco è un gesto di solidarietà che inietta speranza nel futuro.
Una donna è rimasta vedova. Sola a dover occuparsi del sostentamento della propria famiglia. Tre figli di 14, 17 e 19 anni a cui pensare e da accudire. Il marito si è spento dopo aver perso la crudele battaglia contro il covid-19. Fortunatamente però la donna non è stata abbandonata. L’inaspettato gesto di solidarietà è giunto dall’azienda dove lavorava l’uomo che ha deciso di assumere la moglie.

Eminio Misani aveva 54 anni. Si è ammalato di coronavirus ma non aveva condizioni pregresse preoccupanti. Dopo il ricovero in ospedale le condizioni inizialmente sembravano non gravi. Tuttavia la situazione è progressivamente peggiorata, finché l’uomo si è spento a fine Marzo.

LEGGI ANCHE  Gabriele Costanzo paparazzato in compagnia della fidanzata, ecco chi è

Perde il marito di covid e rimane sola con 3 figli: l’azienda fa un grande gesto di solidarietà.

Eminio lavorava da moltissimi anni per l’azienda Lei Tsu, fin dagli anni Ottanta. Era considerato una colonna portante ed una risorsa umana e lavorativa preziosa. Proprio quanto aveva dato in tanti anni alla storica attività di torcitura della seta ha portato i titolari a questa decisione. L’azienda ha quindi deciso di offrire un posto di lavoro alla moglie.

La donna si chiama Michela Arlati ed è rimasta vedova dal 25 Marzo. Michela ha tre figli a cui badare ma fortunatamente non è rimasta sola.

“Non ci sono parole per ringraziare la comunità intera per tutto il bene che ci ha donato. Spero che anche tutte le altre famiglie che si sono trovate nella nostra situazione possano aver ricevuto tutto quel che abbiamo ricevuto noi”.

LEGGI ANCHE  La Pausini sulla scomparsa di Maradona: "Fa più notizia la morte di un uomo poco apprezzabile che la violenza sulle donne"

Queste alcune delle parole rilasciate dalla donna a Il Cittadino di Monza e della Brianza, periodico locale.

I titolari hanno dichiarato di aver ritenuto doveroso fare questo gesto nei suoi confronti. Tanta umanità e solidarietà dimostrata da persone che si sono dimostrati uomini prima ancora che imprenditori. E’ stato il loro modo di ringraziare Eminio per quanto fatto per l’azienda in tanti anni di encomiabile lavoro.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *