La storia di Luca: papà gay che ha adottato la bimba con sindrome di Down che nessuno voleva

Papà gay
Storie di vita

Luca Trapanese e la sua storia: il papà gay  e single che ha adottato una bimba affetta da sindrome di Down.
Una di quelle storie che vanno lette col cuore e la mente aperta, perché fanno e devono far riflettere, meditare. Gli spunti di riflessione sono veramente infiniti, chi siamo, la nostra società, i pregiudizi che ci trasciniamo dentro.

I protagonisti di questa commovente storia sono Luca e Alba.

Luca è un ragazzo dal cuore immenso: cattolico e amante dei bambini a tal punto da fondare due associazioni per la loro tutela. “La casa di Matteo”, che si occupa di bambini malati.  E “A ruota libera”, un progetto per sensibilizzare sulle pari opportunità delle persone diversamente abili e dare loro supporto.

La piccola Alba è una bimba affetta da sindrome di Down abbandonata dalla madre appena nata, in ospedale.

Grazie alla sua determinazione e perseveranza, Luca è diventato un papà gay.

Non è stato infatti semplice raggiungere il suo obiettivo: dare alla piccola una casa accogliente e tutto l’amore di cui ogni bambino ha bisogno in tenera età.

Un ragazzo talmente buono d’animo da riuscire a vedere il bene anche nei gesti più meschini. “La madre l’ha amata così tanto che l’ha lasciata in ospedale perché sapeva che sarei andato io a prenderla.” ha detto Luca in un’ospitata televisiva, generando infinita ammirazione e tenerezza.

LEGGI ANCHE  Uno dei più amati sex symbol di Hollywood, ma ama da 25 anni la stessa donna

Dopo tantissime vicissitudini, nel 2017 Luca è riuscito a diventare il papà gay e single adottivo della piccola Alba. La bimba, probabilmente a causa della sindrome da cui è affetta e dei pregiudizi della gente, era stata rifiutata da quasi 10 famiglie.

“Era un’idea maturata in passato, con il mio compagno Eduardo, dal quale poi però mi sono separato. E da quando avevo 14 anni faccio volontariato e lavoro con disabili e quindi ritenevo di avere gli strumenti adatti per farlo.”

Finalmente, dopo tanta insistenza, l’affido è arrivato. Come racconta nel libro “Vi stupiremo con difetti speciali!”, Luca è riuscito a coronare il suo sogno: dare un futuro, speranza e tanto affetto ad una bimba Down. In fin dei conto, dove c’è amore c’è famiglia.

Sapevi che abbiamo aperto un canale Telegram, dove potrai leggere in anteprima tutte le nostre notizie? Resta connesso per non perdertele: CLICCA QUI per accedere.

7K Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.