Il dramma di Vanessa Bryant: “Non riesce a finire una frase senza piangere. Va avanti per le figlie”

Non riesce a finire una frase senza piangere
Storie di vita

“Non riesce a finire una frase senza piangere. Va avanti per le figlie”.

Non è facile capire il dramma che sta vivendo in questi giorni Vanessa Bryant. La moglie dell’ ex stella NBA ha tragicamente perso il marito e la figlia Gianna lo scorso 26 Gennaio in un drammatico incidente in elicottero.

Vanessa Bryant non ha rilasciato dichiarazioni pubbliche al momento. Quello che è cero è che il dolore che sta vivendo non svanirà presto. Fonti a lei vicine hanno provato a raccontare il suo stato d’animo alla rivista People.

”È un momento estremamente difficile per Vanessa e per tutta la famiglia”.

E’un amico di lei a parlare alla celebre rivista statunitense People. E continua:

“Non riesce a finire una frase senza piangere. Ma sta lottando per andare avanti, per le altre ragazze. Ora deve essere lei quella forte”.

Vanessa e Kobe si erano sposati quasi 20 anni fa, nel 2001. Erano convolati a nozze giovanissimi, lui 22enne e lei appena maggiorenne. Hanno trascorso una vita insieme, tra alti e bassi, com’è logico e fisiologico che sia. Ma era un’amore vero, puro, profondo.

LEGGI ANCHE  Tratta una proprietà in Italia e chiede il maxi sconto-crisi. La risposta è epica

“Nonostante alti e bassi, Vanessa e Kobe era anime gemelle”, si legge sempre su People.

Gianna Maria-Onore Bryant era nata nel 2006 ed era la secondogenita della famiglia. La seconda di quattro bambine avute dalla coppia. Nel 2003 era nata la prima figlia, Natalia Diamante, mentre nel 2016 Bianka Bella. Infine l’ultima arrivata, Capri Kobe, che ha soltanto pochi mesi.

La fonte vicina a Vanessa racconta di una donna distrutta dal dolore, ma fortunatamente circondata da persone vicine. Una donna che dovrà trovare la forza per reagire, anche se non sarà facile.

“Vanessa è circondata da persone che la amano e amano Kobe. È molto supportata. Fa affidamento sulla fede. Non è sola. Ma soffrirà per molto tempo”.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *