Fase 2: una foto costa al padrone del bar una multa da 400 euro

Una multa da 400 euro
Curiosità

Una multa da 400 euro è stata ricevuta dal padrone di un bar. Il motivo? Una foto.

Si avete capito bene. Non si tratta di un errore o di una bufala. E’ successo realmente a Pordenone, nel pieno della fase 2.

Come risaputo, stiamo vivendo la fase cosiddetta di convivenza col virus. Le restrizioni dopo l’ultimo Dpcm si sono notevolmente allentate. Ci è stato possibile rivedere prima i congiunti, poi gli amici. Parallelamente abbiamo assistito alla riapertura progressiva di numerose attività. Tra queste ormai anche la ristorazione e i bar hanno potuto ripartire.

Ovviamente tutto questo non significa che non ci siano regole da seguire. Se la curva epidemiologica dovesse rialzarsi rischieremmo di gettare al vento tutti i sacrifici fatti fin qui. Per evitare tutto questo, in particolar modo sono due le misure da non dimenticare mai: il distanziamento sociale e l’uso delle mascherine. E proprio non aver rispettato una di queste norme, è costato caro al proprietario di un bar.

LEGGI ANCHE  Apre la discoteca per la terza età: un locale per dire addio alla solitudine degli anziani

Fase 2: una foto costa al padrone del bar una multa da 400 euro.

Come detto sopra, la vicenda è accaduta a Pordenone. Il protagonista, suo malgrado, si chiama Andrea Esposito. Andrea si è visto recapitare una multa salata di ben 400 euro. Il motivo una semplice foto fatta coi dipendenti. Nello scatto si vede il proprietario insieme a 3 dipendenti, con le mascherine, che si abbracciano. Un modo per immortalare il momento di riapertura del bar. Quello che voleva essere un semplice ricordo, un modo per superare un momento difficile e lasciarlo alle spalle, è costato caro ad Andrea. Infatti per l’occasione non è stata rispettata la regola del distanziamento sociale. Infatti titolare e dipendenti si abbracciano. Quindi la distanza di almeno un metro tra ogni singola persona non è rispettata.

LEGGI ANCHE  Bonus da 10mln di dollari per i dipendenti di un'azienda americana

Andrea in un primo momento ha pensato che si trattasse solo di uno scherzo. Come ha potuto poi constatare invece, la multa era assolutamente autentica.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *